Navigation

Borsa svizzera: leggermente in attivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2010 - 15:11
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Nel primo pomeriggio la Borsa svizzera ha perso un po' di vigore rispetto ai valori della mattina. Temporaneamente è scesa anche sotto la linea di demarcazione. Poco dopo le 14:30 l'indice guida SMI segnava +0,24% a 6'456,38 punti, mentre l'indice allargato SPI avanzava dello 0,13% a 5'559,65 punti.
Il maggiore progresso è quello di CS (+2,09%), seguito da UBS (+1,57%). Spingono invece al ribasso i farmaceutici con in testa Roche (-0,73%) e Novartis (-0,26%). La discesa è mitigata da Nestlé (+0,50%).
Oggi gli occhi sono puntati anche sul mercato allargato, dopo che oggi sono stati resi noti alcuni dati sui bilanci del 2009.
Spicca in particolare Straumann (-5,83%). Il fabbricante basilese di impianti dentari ha realizzato un utile di 146,4 milioni di franchi nel 2009, contro 8,2 nell'anno precedente quando però aveva effettuato ammortamenti straordinari. Il fatturato è in calo del 5,4% (-2,1% in valute locali) a 736,4 milioni di franchi.
Givaudan scende del -3,76%. L'anno scorso il leader mondiale nel settore dei profumi e degli aromi ha conseguito un utile netto di 199 milioni di franchi, in progressione del 79% rispetto al 2008. Il fatturato è però calato del 3,1% a 3,96 miliardi di franchi.
In rosso anche Clariant (-5,44%). La società chimica basilese, che ha annunciato la soppressione di 500 posti, 400 dei quali in Svizzera, ha chiuso l'esercizio 2009 con una perdita netta di 194 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.