Navigation

Borsa svizzera: mattina in "rosso", SMI perde l'1.60%

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2012 - 11:25
(Keystone-ATS)

Mattinata negativa per la Borsa svizzera: alle ore 11.15 l'indice SMI dei principali titoli segna un ribasso dell'1.60% a quota 6'137.95. In "rosso" anche il listino completo SPI che perde lo 0.79% a 5'692.74 punti.

L'andamento negativo dei corsi dei titoli azionari non è però limitato alla Svizzera ma è generalizzato a livello europeo. Molti sono infatti i timori di recessione, come testimonia il calo registrato dalla produzione industriale in aprile nell'Eurozona, scesa oltre le stime a 46 punti, contro i 49 previsti.

A ciò si aggiunge il clima di incertezza che si è creato dopo il mancato accordo all'interno della coalizione di governo in Olanda sulle misure di austerità anticrisi, che, insieme alla possibile vittoria di François Hollande al ballottaggio delle presidenziali francesi, potrebbe minare le basi del patto di bilancio europeo (Fiscal Compact).

Per tornare a casa nostra, c'è da segnalare l'acquisto, da parte della Nestlé, dell'americana Pfizer Nutrition. Il prezzo della transazione è di 11,8 miliardi di dollari. In borsa il titolo cede il 2.71%, occorre però sottolineare che l'azione è negoziata senza la cedola del dividendo.

Anche le altre società quotate allo SMI fanno segnare delle perdite (ad eccezione di Synthes, invariata). Da segnalare quelle di Abb (-2.76%), Cs Group (-2.86%), Holcim (-2.35%), Julius Bär (-1.75%), Novartis (-0.39%), Roche (-0.41%), Swatch (-1.71%), Swiss Re (-1.34%), Syngenta (-1.45%), Ubs (-2.09%) e Zurich Insurance (-1.43%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?