Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue in lieve rialzo alla borsa svizzera: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 9229,80 punti, in progressione dello 0,28% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,34% a 9377,47 punti.

Gli investitori appaiono prudenti in attesa di conoscere gli ultimi orientamenti della Banca centrale europea, che oggi si riunisce a Francoforte. Dall'Eurozona sono arrivati anche alcuni dati congiunturali incoraggianti, relativi al calo della disoccupazione e all'aumento del commercio al dettaglio. Ma il tema dominante rimane una volta ancora il futuro della Grecia.

Sul fronte interno i riflettori tornano a essere puntati su Syngenta (+1,14%): stando a Bloomberg il gruppo agrochimico sarebbe disposto a negoziare una fusione con Monsanto, a patto però che l'azienda americana migliori la sua offerta.

Fra i bancari Credit Suisse (+2,04%), favorita da una raccomandazione di RBC, appare più tonica di UBS (+0,20%). Positivi sono i titoli maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (+0,73%), Adecco (+0,40%) e Holcim (+0,34%). In ordine sparso si presentano i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,21%), Novartis (+0,47%) e Roche (+0,04%).

Nel mercato allargato sta crollando Züblin (-39,09%), che ha annunciato una forte perdita nell'esercizio 2014/2015 e l'intenzione di procedere a un aumento di capitale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS