Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo aver aperto al ribasso e guadagnato provvisoriamente terreno, la Borsa svizzera ha virato nuovamente in territorio negativo. Alle 11:30 circa il listino principale SMI segnava 6163.30 punti (-0,50% rispetto a ieri), mentre quello allargato SPI registrava una flessione dello 0,40% a quota 5455.89 punti.
L'attenzione è puntata sui bancari in attesa dei risultati degli stress test su 91 istituti europei che saranno resi noti dopo le 18:00. UBS - che ha comunicato stamane di voler nel consiglio di amministrazione l'ex banchiere centrale di Hong Kong Joseph Yam - perde lo 0,58%, Julius Bär l'1,51%, mentre è invariato Credit Suisse. In negativo gli assicurativi: Zurich Financial Services (-0,41%) e Swiss Re (-0,06%).
ABB (+1,42%) continua ad approfittare del trimestrale migliore del previsto pubblicato ieri, mentre c'è poca gloria per i valori difensivi: Roche (-1,59%), Novartis (-1,45%) e Nestlé (-0,19%).
La performance peggiore la fa comunque registrare Syngenta, che lascia sul terreno il 2,35%. Il gruppo agrochimico ha annunciato ieri un utile semestrale in calo dell'11% rispetto a un anno prima, deludendo gli analisti.
Nel mercato allargato da segnalare il calo (-1,40%) di Bellevue Group dopo l'annuncio che nei primi sei mesi dell'anno la banca zurighese specializzata nella gestione patrimoniale ha realizzato un utile netto di 1,6 milioni di franchi, praticamente invariato rispetto allo stesso periodo del 2009. In progressione invece Calida (+1,01%), grazie all'annuncio di un ritorno nella zona utili nel primo semestre dell'anno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS