Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue al rialzo alla borsa svizzera, grazie soprattutto ai suoi titoli farmaceutici ad alta capitalizzazione. Alle 11.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 9158,06 punti, in progressione dello 0,61% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI guadagnava da parte sua lo 0,57% a 9302,56 punti. Stando agli operatori sul mercato serpeggia un palpabile nervosismo legato da una parte all'infinita odissea greca, dall'altra ai cruciali dati macro americani che saranno pubblicati nel pomeriggio, relativi a richieste di sussidio disoccupazione e fatturato del commercio al dettaglio: indicatori, questi, che potrebbero aiutare a capire i tempi del rialzo dei tassi negli Usa.

Al centro dell'attenzione figura Syngenta (+0,42%): stando a informazioni insider Monsanto si è detta disposta ad aumentare la sua offerta solo dopo aver avuto accesso ai libri contabili della società renana. Bene orientata è anche Actelion (+0,69%), pure costantemente al centro di voci di fusioni.

Non si presentano univoci i bancari UBS (-0,05%) e Credit Suisse (+1,71%). Fra i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura ABB (-0,05%) appare più in difficoltà di Adecco (+1,04%) e Holcim (+1,40%). Trainano il listino Novartis (+1,16%) e Roche (+0,81%), mentre si defila il terzo peso massimo difensivo, Nestlé (invariata).

Nel mercato allargato giù Kuoni (-7,08%), che ha annunciato un significativo calo della redditività in seguito al rafforzamento del franco. AMS (+3,50%) beneficia di un mini-rimbalzo, dopo aver perso ieri il 21%: oggi è emerso che alti dirigenti della società hanno approfittato del crollo per esercitare opzioni di acquisto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS