Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue in leggero rialzo alla borsa svizzera, salita ai massimi dell'anno: alle 11.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 9280,34 punti, in progressione dello 0,26% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,23% a 9262,55 punti.

L'SMI ha superato nei primi minuti 9300 punti, stabilendo un nuovo record del 2015 e mettendo quindi fine alla fase di "digestione" dell'abbandono della soglia minima di cambio euro/franco, lo scorso 15 gennaio.

La conferma dell'orientamento di politica monetaria della Banca nazionale svizzera era ampiamente attesa e non sta influendo sui corsi. Anche le revisioni al ribasso delle stime di crescita operate dalla stessa BNS e dalla Segreteria di stato dell'economia (Seco) hanno lasciato gli operatori indifferenti. Il mercato prende invece atto con favore della decisione della Federal Reserve americana di procedere con gradualità all'aumento dei tassi.

Per quanto riguarda i singoli titoli acquisti sono segnalati su ABB (+1,26%) e Transocean (+1,59%). Positivi sono anche i bancari UBS (+0,67%) e Credit Suisse (+0,44%). Fra i pesi massimi trainano il listino Novartis (+0,25%) e Roche (+0,41%), mentre si defila Nestlé (0,33%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS