Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue al ribasso alla borsa svizzera: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 9416,72 punti, in flessione dello 0,69% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,62% a 9533,81 punti.

Nonostante il chiaro segno meno - che segue peraltro numerose sedute al rialzo - gli operatori parlano di un'atmosfera generale sostanzialmente ancora positiva, grazie all'allentamento della tensione sul fronte greco. L'attenzione si sposta ora agli Usa, in relazione ai tempi del rialzo dei tassi e ai risultati aziendali: oggi presenteranno i bilanci intermedi Yahoo, Apple e Microsoft.

Sul fronte interno gli occhi sono puntati su Novartis (-2,49%), che nel secondo trimestre ha accusato un calo degli utili e delle vendite, e su Actelion (-0,89%), che ha visto il fatturato aumentare e i risultati rimanere sostanzialmente stabili. In entrambi i casi i dati si sono rivelati almeno leggermente inferiori alle attese e sono perciò scattati i realizzi di guadagno.

Sempre in ambito farmaceutico si difende meglio Roche (-0,43%) e meno negativo appare anche un altro peso massimo difensivo, Nestlé (-0,27%). Le ultime cifre sull'export orologiero elvetico stanno aiutando Richemont (+0,50%) ma non Swatch (-1,14%).

Poco mossi appaiono i valori più sensibili alla congiuntura come ABB (invariata), Adecco (-0,24%), Geberit (-0,28%) e LafargeHolcim (+0,07%). Sopra la linea sono i bancari UBS (+0,32%) e Credit Suisse (+0,15%).

Nel mercato allargato spazio ai risultati di Georg Fischer (+1,64%). Also (invariata) ha annunciato un'acquisizione in Polonia.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS