Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un avvio in zona utili la borsa svizzera ha proseguito le contrattazioni in ribasso: alle 11.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 9'028.80 punti, in flessione dello 0,53% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,49% a 10'244.29 punti.

Zurigo ha reagito meno positivamente delle altre piazze europee all'annuncio che la Fed ha 'promosso' i piani di distribuzione di capitale delle 34 maggiori banche americane. Anche la spinta al rialzo fornita dalle chiusure in zona guadagni di Wall Street e Tokyo si è rapidamente esaurita.

Gli impulsi provenienti dall'estero saranno nel pomeriggio numerosi. Sono attesi i dati del Pil Usa e le richieste di sussidio. Nell'eurozona l'indice di fiducia economica, dell'industria e dei servizi.

Sul fronte interno le variazioni dei 20 titoli principali sono quasi sempre inferiori al punto percentuale. A sostenere il listino sono soprattutto i bancari: CS Group guadagna l'1,81%, UBS lo 0,86% e Julius Bär lo 0,19%. Proprio oggi la Banca nazionale svizzera (BNS) ha pubblicato il suo rapporto annuale sulle banche: le 261 attive sul territorio elvetico hanno realizzato complessivamente un utile di 7,9 miliardi di franchi, praticamente la metà rispetto al 2015 quando vi erano stati elevati ricavi straordinari.

In positivo, oltre ai bancari, si segnalano solo Sika (+0,40%= e Swiss Re (+0,11%).

Frenano invece il listino Lafargeholcim (-1,24%), Lonza (-1,01%) e i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,88%), Novartis (-0,85%) e Roche (-0,76%).

Nel mercato allargato Schindler perde l'1,03%: il fabbricante lucernese di ascensori e scale mobili ha annunciato oggi l'acquisto del gruppo tedesco Dralle Aufzüge che impiega oltre 90 persone.

Guadagna invece l'1,06% Lifewatch: oggi è stato reso noto che il 96,50% delle azioni della società di telesorveglianza medica è in possesso del gruppo americano BioTelemetry. In seguito al successo dell'offerta di acquisizione, il consiglio di amministrazione di LifeWatch ha deciso di dimettersi in occasione dell'assemblea generale straordinaria che si terrà a Zurigo il 21 luglio. Lo ha comunicato oggi la società con sede a Zugo.

SDA-ATS