Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue in ribasso alla borsa svizzera: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 8930,34 punti, in flessione dello 0,46% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,33% a 10'155,55 punti.

In assenza di impulsi chiari - ieri Wall Street era chiusa per festività - gli investitori preferiscono mostrarsi prudenti. Vi è attesa per i dati sul mercato del lavoro americano, che saranno pubblicati nel pomeriggio, e per i verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve, che verranno diffusi in serata.

A frenare il listino sono soprattutto i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,48%), Novartis (-1,31%) - che deve incassare un giudizio negativo di Credit Suisse - e Roche (-0,73%).

In ordine sparso si presentano i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+0,30%), Adecco (-0,41%), Geberit (-0,02%), LafargeHolcim (-0,36%) e Sika (+0,16%). L'ottimismo è di casa nel segmento del lusso, con Swatch (+1,28%) ancora più tonica di Richemont (+0,50%).

Non presentano un andamento unitario i bancari UBS (+0,24%), Credit Suisse (+0,76%) e Julius Bär (-0,14%). Meglio orientati sono gli assicurativi Zurich (+0,04%), Swiss Re (+0,28%) - che oggi ha pubblicato lo studio Sigma sul volume di premi assicurativi mondiali - e Swiss Life (+0,33%).

SDA-ATS