Prosegue in ribasso la seduta della Borsa svizzera, anche se le perdite si sono parecchio ridotte rispetto all'apertura. Alle 11.30 l'SMI cede lo 0,22% a 7'922.19 punti, l'SPI lo 0,27% a 7'504.18 punti. Gli investitori sono in attesa dell'indice della Fed di Chicago che misura l'attività economica americana a luglio, previsto in calo. Domani, poi, sarà il turno dei verbali della commissione di politica monetaria della Fed di fine luglio. Giovedì è inoltre in programma l'annuale incontro dei governatori della Fed a Jackson Hole (Wyoming).

Sotto pressione, a livello europeo, i titoli bancari. Credit Suisse cede il 2,50%, UBS il 2,12% e Julius Bär l'1,34%. I tre istituti hanno guadagnato oltre il 30% da inizio anno.

Sotto pressione anche Holcim, già in forte calo ieri dopo che UBS e Deutsche Bank hanno peggiorato la valutazione sul titolo del gigante del cemento. Perdono oltre un punto percentuale pure Richemont (-1,92%), Givaudan (-1,29%), Geberit (-1,28%), ABB e Adecco (entrambe -1,06%).

In rialzo unicamente i titoli massimi difensivi: Novartis sale dell'1,18%, Roche dello 0,67% e Nestlé dello 0,16%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.