Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Mattinata in ribasso per la Borsa svizzera, sulla scia del minore dinamismo a Wall Street. Gli investitori sono prudenti in attesa di dati macroeconomici e aziendali americani che saranno diffusi nel pomeriggio, hanno rilevato gli operatori. Poco dopo le 11.30 l'indice principale SMI era a quota 6754,55, in calo dello 0,72%. L'indice allargato SPI registrava una perdita dello 0,70% a 5992,61 punti.
Tutte le blue chip sono in discesa, tranne Roche che avanza dello 0,12%. Novartis è in flessione dello 0,54%, Nestlé dello 0,19%.
Dopo gli incrementi di ieri, l'UBS scende dell'1,65%, il Credit Suisse dell'1,26% e la Julius Bär dell'1,13%. A nulla sono valse le cifre trimestrali pubblicate stamane dalla Deutsche Bank, superiori alle attese.
Fra gli assicurativi, Swiss Life perde l'1,96%, Swiss Re lo 0,98% e Zurich Financial lo 0,88%. Dopo il balzo di ieri, Holcim cede l'1,65%. Deciso calo per ABB (-2,05%). Il ribasso più consistente è fatto segnare da SGS (-3,27%). La Deutsche Bank ha peggiorato il suo giudizio sul titolo della società ginevrina.
Sul mercato allargato, Straumann, che ha pubblicato oggi le cifre del primo trimestre, sta perdendo l'1,57%. Orascom, che ieri aveva perso oltre il 10% in una giornata caratterizzata da forti e insoliti movimenti, sta avanzando del 4,25%. La società ha reso noto stamane che dopo quanto successo ieri in borsa ha bloccato l'aumento del capitale previsto per oggi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS