Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata positiva alla Borsa svizzera. Poco prima delle 11.25 il listino principale SMI segna 6686,95 punti, in aumento dello 0,31%. L'indice allargato SPI è a quota 6008,14 (+0,28%).

Gli operatori si attendono impulsi questo pomeriggio da nuovi dati congiunturali americani, principalmente dal New Yorker Empire Manufacturing Index e dalle vendite al dettaglio.

Fra le blue chip elvetiche si sta mettendo in luce Lonza, che avanza del 3,38%, favorita da un miglior giudizio da parte della Jefferies, hanno indicato gli operatori. Novartis non registra variazioni, mentre Roche perde lo 0,85%. Su quest'ultima incide un deterioramento della valutazione da parte di UBS. La Nestlé dà invece un chiaro sostegno al listino, con un guadagno del'1,35%.

Quanto ai bancari, Credit Suisse, già in rialzo ieri, è in crescita dell'1,51%, mentre l'UBS perde lo 0,54%. La Julius Bär è in calo marginale (-0,02%). Positivi gli assicurativi Zurich Financial (+0,67%) e Swiss Re (+0,09%).

Fra i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, ABB (-0,04%), Adecco (-0,30%) e Holcim (-0,36%) sono in calo. Nei titoli del lusso, Richemont è in discesa dello 0,80%, mentre Swatch Group è in aumento dello 0,36%.

Nell'indice allargato Straumann è in calo dello 0,52%. Il fabbricante di impianti dentali ha registrato un giro d'affari in lieve crescita lo scorso anno, dello 0,2% a 737,6 milioni di franchi. In valute locali risulta un incremento del 4,6%. L'utile netto è sceso del 10,4%, a 131,1 milioni, mentre il risultato operativo si è fissato a 164,3 milioni di franchi, in calo dello 0,6%. Nel quarto trimestre il giro d'affari è aumentato del 7% in valute locali.

Bobst sale dell'1,51%. Il fabbricante vodese di macchine per l'imballaggio nel corso del 2010 si è risollevato: il fatturato è salito del 21,3% a 1,28 miliardi di franchi e anche la redditività è chiaramente migliorata rispetto al 2009. I risultati saranno pubblicati a fine marzo. Per l'esercizio corrente i vertici si attendono ricavi compresi tra 1,3 e 1,4 miliardi di franchi.

Newron segna un rialzo 5,34%. La società farmaceutica milanese ha ricevuto dallo stato italiano 3,7 milioni di euro nell'ambito di un programma di promozione della ricerca e dello sviluppo. Si tratta della prima parte di una somma totale dei 5 milioni di euro promessi nel 2008.

LEM è in crescita del 2,34%. La società ginevrina nei primi nove mesi dell'esercizio 2010/2011 ha realizzato un fatturato di 219 milioni di franchi, con una crescita su base annua del 72%. L'utile netto è salito da 5,5 a 27 milioni, quello operativo da 16 a 46 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS