Navigation

Borsa svizzera: mattinata positiva

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 febbraio 2012 - 11:32
(Keystone-ATS)

Mattinata positiva la borsa svizzera, che dopo una timida apertura ha ampliato i guadagni con il passare delle ore: alle 11.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 6036,26 punti (+1,10% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dell'1,02% a 5467,86 punti.

In tutta Europa sono in calo i timori sul debito pubblico nell'Eurozona, nonostante non sia ancora stato raggiunto un accordo fra la Grecia e i suoi creditori. Un po' dappertutto si registra una riduzione generalizzata dei differenziali di rendimento nei confronti del bund tedesco.

Sul fronte congiunturale i mercati hanno apprezzato i dati sul comparto manifatturiero cinese in gennaio, segno della solidità dell'economia del colosso asiatico nonostante il rallentamento delle esportazioni verso l'area euro e il raffreddamento del mercato immobiliare voluto dal governo.

In Svizzera l'attenzione degli investitori è puntata su Roche (-1,22%), unica blue chip negativa: i dati relativi al 2011 sono stati accolti con una lieve delusione a livello di risultato, soprattutto per quanto riguarda le prospettive. Ma stando ad alcuni analisti sul corso pesano soprattutto i realizzi di guadagno: il titolo si è infatti ben comportato negli ultimi tempi. Ben orientati sono invece gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (+1,91%) e Nestlé (+1,14%).

In netta progressione risultano i bancari UBS (+2,39%), Credit Suisse (+2,60%) e Julius Bär (+2,59%), che appaiono più tonici degli assicurativi Swiss Re (+1,54%) e Zurich (+0,45%).

Avanzano, in parte anche in modo consistente, i valori più legati alla congiuntura quali ABB (+1,20%), Adecco (+2,84%) e Holcim (+1,53%), come pure - nel segmento del lusso - Swatch (+2,01%) e Richemont (+1,54%).

Nel mercato allargato ieri sera hanno informato sull'andamento degli affari Gurit (-0,41%), Hochdorf (-0,26%) e Kardex (+3,47%). Il titolo maggiormente sotto pressione è New Value (-13,69%), già penalizzato ieri dalla notizia di una denuncia penale presentata contro l'ex presidente del consiglio di amministrazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?