Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera si è mossa in territorio positivo nel corso della mattinata, ma i guadagni si sono assottigliati rispetto all'apertura. I mercati sono favoriti dall'andamento di ieri a Wall Street e di stamane in Asia. Le cifre trimestrali di Intel, migliori delle attese, dovrebbero dare una spinta ai corsi, hanno osservato gli operatori. Poco prima delle 11.30 l'indice principale SMI era a quota 6900,99, in crescita dello 0,22%. L'indice completo SPI segnava 6069,32 punti.
Al centro dell'interesse oggi figura l'assemblea generale dell'UBS, in particolare per quanto riguarda il voto sul discarico dei vertici dell'era Ospel. La riunione sarà lunga: sono annunciati 60 interventi da parte degli azionisti. Intanto il titolo della banca sta salendo dell'1,22%. Il Credit Suisse scende marginalmente (-0,09%), la Julius Bär è in ribasso dell'1,40%.
Tutte e tre negative le blue chip assicurative: Swiss Life perde lo 0,83%, Zurich Financial lo 0,42% e Swiss Re dello 0,19%. Quanto ai due giganti farmaceutici, Novartis è in calo dello 0,09%, mentre Roche sale dello 0,29%. La Nestlé - il terzo valore difensivo di peso - dà un sostegno al listino, avanzando dello 0,56%. Fra gli altri titoli guida si sta mettendo in luce Adecco, con un rialzo del 2,10%.
Nell'indice allargato, Vaudoise guadagna il 2,55%. Il gruppo assicurativo ha realizzato lo scorso anno un risultato operativo record: l'utile ante-imposte ammonta a 160,9 milioni di franchi, a fronte di 63,8 milioni nel 2008 (+152%).

SDA-ATS