Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue al ribasso alla borsa svizzera. Alle 11.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 8239,71 punti (-0,71% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,25% a 8056,96 punti.

Dappertutto in Europa si guarda con apprensione agli sviluppi in Ucraina. La propensione al rischio degli investitori, che già venerdì avevano dovuto fare i conti con perdite importanti, appare scarsa.

Sul fronte interno pesa l'effetto Nestlé (-1,85%), che da oggi è scambiata senza la cedola per il dividendo, pari a 2,15 franchi. Si muovono bene per contro gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (+0,55%) e Roche (+0,16%).

Perdite anche consistenti sono subite dai valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-1,42%), Adecco (-2,50%), Geberit (-2,19%) e Holcim (-1,70%). Non presenta un andamento unitario il segmento del lusso, con Swatch (+0,36%) più tonica di Richemont (-0,70%).

Tutti negativi sono i bancari UBS (-1,13%), Credit Suisse (-1,39%) e Julius Bär (-0,35%). Fanalino di coda è Actelion (-2,65%), peraltro protagonista di un inizio anno dinamico.

Nel mercato allargato si è praticamente azzerato il valore di Cytos (-94,08%): la società, confrontata con uno studio clinico negativo per un suo farmaco, sta infatti valutando la chiusura. Male sono stati anche accolti i trimestrali di Kühne+Nagel (-3,34%). Sotto pressione pure Autoneum (-7,61%).

SDA-ATS