Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera: mattinata sempre in rialzo

Prosegue in territorio positivo, pur senza scossoni di rilievo, la giornata alla borsa svizzera: alle 11.20 circa l'indice principale SMI avanza dello 0,40% a 8'794,26 punti, quello allargato SPI dello 0,24% a 10'357,81 punti.

Nonostante l'apertura del presidente americano Donald Trump a un accordo nella disputa commerciale con la Cina, tra gli investitori continua a prevalere una certa prudenza. Se l'incontro fra l'inquilino della Casa Bianca e il suo omologo cinese Xi Jinping al G20 dovesse fallire, è infatti atteso l'annuncio di un nuovo round di dazi da Washington.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici odierni, l'Istituto nazionale di statistica ha comunicato che il prodotto interno lordo (pil) italiano è rimasto invariato nel terzo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti. In Germania, il tasso di disoccupazione è calato in settembre al 5,1%.

Tra le blue chip, nonostante una crescita nei primi nove mesi dell'anno resa nota oggi, Geberit è in forte calo (-8,01%), risultando nettamente il titolo meno apprezzato. Oltre al produttore sangallese di impianti sanitari, in negativo vi sono solo ABB (-0,15%) e Richemont (-0,03%).

Andamento opposto per i bancari UBS (+0,97%), Julius Bär (+0,86%) e Credit Suisse (+0,35%). In positivo si trovano al momento anche i pesi massimi difensivi Roche (+1,13%), Novartis (+0,63%) e Nestlé (+0,31%).

Nel mercato allargato, hanno comunicato i propri risultati trimestrali il gruppo industriale svittese Oerlikon (+0,43%) e il produttore di impianti dentali basilese Straumann (-0,23%).

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.