Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata si conferma in ribasso alla borsa svizzera: alle 11.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 8957,69 punti, in flessione dello 0,25% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,28% a 10'134,54 punti.

Per gli investitori, che hanno visto ieri l'SMI salire ai massimi da un anno e mezzo, non è il momento di assumersi rischi eccessivi. I mercati attendono con trepidazione la pubblicazione negli Usa del rapporto mensile sul mercato del lavoro: inutile dire che sarà analizzato in dettaglio per ricavarne indicazioni circa un'eventuale aumento dei tassi in giugno da parte della Federal Reserve.

La propensione agli acquisti non è peraltro favorita dal prezzo del petrolio, sceso sotto 45 dollari. E anche dalla prevista vittoria di Emmanuel Macron nelle elezioni presidenziali francesi contro l'euroscettica Marine Le Pen non ci si aspettano i forti rialzi seguiti al voto del primo turno.

Sul fronte interno sta facendo discutere la decisione di SIX Swiss Exchange di fissare un limite massimo del 18% di ponderazione per ciascun titolo compreso nel paniere del listino principale SMI. La decisione interesserà Nestlé (-0,38%) - che ieri era progredita del 2% accelerando nel finale, senza notizie concrete - e Novartis (-0,26%), ma non il terzo peso massimo Roche (invariata): le rispettive capitalizzazioni nell'indice sono infatti del 23%, 19% e 16%.

In negativo sono i bancari UBS (-1,09%), Credit Suisse (-0,78%) e Julius Bär (-0,38%), mentre almeno in parte più dinamico si presenta il comparto assicurativo, con Zurich (+0,04%), Swiss Life (-0,36%) e Swiss Re (+0,34%).

Fra i valori più sensibili ai cicli economici arretrano ABB (-0,37%), Geberit (-0,35%) e LafargeHolcim (-0,62%), mentre si difende meglio Adecco (+0,47%). Nel segmento del lusso Swatch (-0,66%) sembra più in difficoltà di Richemont (-0,06%), che è favorita da una raccomandazione di Royal Bank of Canada.

Syngenta (+0,33%) ha annunciato la riuscita dell'offerta pubblica di acquisto da parte di ChemChina.

Nel mercato allargato ha informato sull'andamento degli affari Datacolor (+2,81%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS