Navigation

Borsa svizzera: mattinata vicina alla parità

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2020 - 11:04
(Keystone-ATS)

Mattinata vicina alla parità per la Borsa svizzera: alle 11:00 circa l'indice dei titoli guida SMI perdeva lo 0,03% a 10'891,87 punti, quello allargato SPI lo 0,13% a 13'194,54.

A livello globale a frenare le borse ci sono i timori legati alla diffusione del coronavirus. La malattia, che ha il suo principale focolaio nella città cinese di Wuhan, ha fatto fino ad ora 17 morti e le preoccupazioni si fanno sentire sopratutto sui mercati asiatici. Ad influire sulle borse c'è anche l'attesa per la decisione della Banca centrale europea (Bce) sui tassi.

Sul listino elvetico progrediscono in particolare gli assicurativi, con Swiss Life in crescita dell'1,03%, Zurich dello 0,74% e Swiss Re dello 0,50%. Bene anche Novartis (+0,53%).

In perfetto pareggio si trova UBS, mentre anche in Svizzera si conferma la tendenza internazionale dei titoli del lusso particolarmente colpiti dalla questione coronavirus: Swatch - attuale maglia nera della giornata - perde l'1,76% e Richemont l'1,56%. Non brilla nemmeno Sika (-1,22%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.