Navigation

Borsa svizzera: perde terreno a metà mattina

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2012 - 11:33
(Keystone-ATS)

Dopo un'apertura in positivo, la Borsa svizzera ha perso terreno nel corso della mattinata. Verso le 10:30 è passata al di sotto della linea di demarcazione per poi tornare in positivo. Intorno alle 11:20 l'indice dei valori guida SMI cresceva dello 0,20% a 6188,81 punti e quello allargato SPI dello 0,28% a quota 5677,23.

Gli investitori si mostrano prudenti in attesa della decisione dell'Eurogruppo riguardo al fondo salva-Stati. Inoltre nel primo pomeriggio sono attesi i dati macroeconomici statunitensi su redditi e consumi.

Tra le blue chip, sono in rosso i titoli difensivi di peso Nestlé (-0,09%) e Novartis (-0,16%) mentre leggermente in positivo risulta Roche (+0,06%). Bene i bancari tra i quali spicca Julius Bär in crescita del 2,09%. UBS sale dello 0,72% e Credit Suisse dello 0,31%. Contrastati invece si mostrano gli assicurativi: Zurich guadagna lo 0,08% mentre Swiss Re perde l'1,31%.

Incrementi di oltre l'1% sono messi a segno dai titoli più sensibili alla congiuntura: ABB avanza dell'1,16%, Adecco dell'1,33% e Holcim dell'1,91%. Il miglior titolo del listino risulta Transocean che registra una crescita del 2,36%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?