Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un'apertura in lieve rialzo la borsa svizzera ha presto limato i guadagni e da allora fatica a trovare un orientamento preciso. Alle 11.35 l'indice dei valori guida SMI segnava 8411,53 punti (+0,03% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,05% a 8301,62 punti.

Al centro dell'attenzione vi sono i titoli bancari, con UBS (+0,88%) che ha presentato risultati trimestrali superiori alle attese e Credit Suisse (-0,69%) che vede pubblicata dalla stampa una nuova stima - fino a 1,6 miliardi di dollari - riguardo alla possibile multa negli Usa.

In ordine sparso si presentato i valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,19%), Adecco (+0,69%), Geberit (-0,37%) e Holcim (+0,45%). Non vi è unanimità di vedute nemmeno fra i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,30%), Novartis (+0,52%) e Roche (-0,08%).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Dufry (-0,96%) e Tornos (+4,04%).

SDA-ATS