Navigation

Borsa svizzera: poco mossa anche nel primo pomeriggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 luglio 2011 - 15:29
(Keystone-ATS)

Nel primo pomeriggio la Borsa svizzera si muove al di sotto della parità. Come nel resto della seduta, i listini variano di poco. Verso le 15.20 l'indice SMI dei titoli guida segna 6243,58, punti, in calo dello 0,04%. L'indice complessivo SPI è a quota 5740,80 (-0,10%).

Non sono giunti impulsi dalle altre piazze. "Se Wall Street è chiusa per festività, sulla maggior parte degli altri mercati non succede nulla", ha detto un operatore alla Reuters. Le borse asiatiche stamane praticamente hanno segnato il passo.

La stagione dei bilanci semestrali partirà solo la settimana prossima. Fino ad allora al centro dell'interesse ci sarà la riunione della Banca centrale europea giovedì e il rapporto sul mercato del lavoro negli Stati Uniti venerdì.

A Zurigo l'attenzione è rivolta alla Novartis (+0,19%). Il farmaco Afinitor del gruppo basilese in uno studio si è rivelato efficace anche contro il cancro al seno. La valutazione dei test clinici di fase III mostra che una combinazione di Afinitor con Aromasin dell'americana Pfizer aumenta chiaramente i tempi senza crescita del tumore. Entro fine anno il gruppo farmaceutico intende chiedere l'omologazione del suo medicinale oncologico per il tumore alla mammella.

Il titolo della concorrente Roche ha invece un impatto negativo sul mercato, scendendo dello 0,99%. La Nestlé - l'altro peso massimo difensivo - sale dello 0,47%.

In flessione i bancari: UBS perde lo 0,06%, il Credit Suisse lo 0,60% e la Julius Bär lo 0,22%. Fra gli assicurativi, calo dello 0,37% per Swiss Re e pure dello 0,37% per Zurich Financial.

Sulla scia di una raccomandazione, il titolo Swisscom avanza dello 0,65%. Fra le altre blue chip, la perdita più consistente è fatta segnare da Actelion (-2,21%), il guadagno più marcato da Richemont (+2,34%), seguita a ruota da Swatch Group, pure attiva nel settore del lusso (+1,90%).

Contrastati i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, con ABB che scende dello 0,14%, Adecco che guadagna lo 0,09% e Holcim in ribasso dell'1,49%.

Sul mercato allargato, sprofonda Swissmetal (-13,73%), dopo che ieri la banca che finanzia l'azienda ha chiuso i cancelli dei magazzini a Dornach (SO), per garantire i propri crediti. L'unità solettese ha così dovuto cessare la produzione.

Sulla scia della notizia che la Migros ha di nuovo portato la sua quota nella Charles Vögele a oltre il 20%, il titolo della rete di negozi di abbigliamento sale del 3,76%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?