Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un'apertura incerta e aver trascorso tutta la mattinata in positivo, la Borsa è passata nel primo pomeriggio in territorio negativo. Verso le 15:30 l'indice dei valori guida SMI perdeva lo 0,15% 8'489,12 punti e quello allargato SPI lo 0,07 a 8'753,03 punti.

I mercati appaiono nervosi con l'avvicinarsi della riunione della Federale Reserve americana (Fed), che mercoledì molto probabilmente opterà per un innalzamento del suo tasso direttore.

Sul listino principale, i titoli di peso difensivi Nestlé e Novartis hanno virato in negativo, perdendo rispettivamente lo 0,28% e lo 0,36%. Roche che ha ottenuto dall'autorità sanitaria americana FDA un'estensione dell'omologazione del farmaco Alecensa (Alectinib) per il trattamento del cancro polmonare avanza dello 0,15%.

Sempre in positivo i due titoli bancari UBS (+0,33%) e Credit suisse (+0,39%), mentre in forte calo risulta Julius Bär (-2,29%).

In negativo entrambi i titoli assicurativi: Zurich si contrae dello 0,24% e Swiss Re dello 0,26%.

Contrastati i titoli più sensibili alla congiuntura: in crescita risultano ABB (+0,28%) e Gebrit (+0,45%), in calo invece appaiono Adecco (-0,68%) e LafargeHolcim (-0,14%).

Maglia nera è Transocean che scende del 3%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS