Navigation

Borsa svizzera: pomeriggio in negativo

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2019 - 15:24
(Keystone-ATS)

Partita in calo, la Borsa svizzera continua a muoversi in territorio negativo. Verso le 15.15 l'indice dei valori guida SMI perdeva lo 0,80% a 9'937,65 punti e quello allargato SPI lo 0,71% a 12'091,53 punti.

Permane la tensione per i raid turchi in Siria e per le trattative sulla Brexit, con la regina Elisabetta che ribadisce nel suo discorso il fatto che il governo intenda uscire dall'Ue entro il 31 ottobre, cercando comunque un accordo. Inoltre nulla è stato firmato e zone d'ombra rimangono a proposito dell'accordo commerciale concluso nel weekend tra Stati Uniti e Cina, ha relativizzato John Plassard del gruppo bancario e finanziario Mirabaud.

Sul listino principale - dove solo Alcon appare in positivo (+0,36%) - a incidere negativamente sono i pesi massimi difensivi e in particolare i farmaceutici Roche e Novartis che cedono rispettivamente l'1,18% e l'1,59%. Nestlé lascia sul terreno lo 0,13%. Pesanti flessioni sono registrate anche dai titoli assicurativi: Swiss Re scende dell'1,98%, Zurich si ferma a -0,98% e Swiss Life a -0,75%.

Per quanto riguarda i bancari, UBS resta invariata, mentre Credit Suisse si contrae dello 0,62%.

Tra i titoli ciclici il calo maggiore è segnato da Adecco (-1,32%, seguito da Geberit (-0,78%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.