Tutte le notizie in breve

Dopo le prime battute altalenanti e una mattina trascorsa prevalentemente in positivo, la Borsa svizzera ha continuato a muoversi al di sopra della linea di demarcazione anche nel pomeriggio.

Poco dopo le 15:30 l'indice dei valori guida SMI guadagnava lo 0,44% a 9'105,20 punti e quello allargato SPI pure lo 0,44% a 10'335,43 punti.

I dati provenienti dagli Usa relativi alle vendite al dettaglio in aprile - al di sotto delle attese - e quelli sull'inflazione in linea con le previsioni - hanno fornito solo pochi impulsi, ha detto un operatore.

Sul listino principale gli occhi erano puntati su Richemont: il gruppo ginevrino specializzato negli articoli di lusso, che ha oggi pubblicato risultati annuali deludenti, segna una flessione del 5,76%. Pesanti perdite sono registrate anche dall'altro titolo del lusso Swatch Group che scende del 4,05%.

Acquisti sono invece segnalati soprattutto per i pesi massimi difensivi Novartis (+1,96%) e Roche (+0,93%). In crescita anche Nestlé che sale dello 0,68%.

Tra i bancari recupera UBS che registra un incremento dello 0,43%, mentre in calo risulta Credit Suisse (-0,60%) e invariato appare Julius Bär.

Tutti in positivo sono invece gli assicurativi: Zurich (+0,43%), Swiss Re (+0,62%) e Swiss Life (+0,46%).

Male - ad eccezione di LafargeHolcim (+0,53%) - i titoli più sensibili alla congiuntura: ABB scende dello 0,36%, Adecco dello 0,45% e Geberit dello 0,61%.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve