Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in ribasso per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8245,77 punti, in flessione dello 0,92% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,83% a 8523,91 punti.

Sull'umore degli investitori pesano le affermazioni della Federal Reserve americana, che ieri si è espressa in modo molto prudente sul futuro della congiuntura americana. Lo sguardo è inoltre sempre rivolto al prezzo del petrolio.

Sul fronte interno rimane sotto pressione Novartis (-1,43%), scesa ieri di quasi il 4% dopo la presentazione dei conti 2015. Tutte le altre blue chip presentano variazioni frazionali.

Intanto Wall Street ha chiuso ieri in negativo (Dow Jones -1,38% a 15'944,46 punti, Nasdaq -2,18% a 4468,16 punti) e lo stesso ha fatto oggi Tokyo (Nikkei -0,70% a 17'041,45 punti).

Anche le altre piazze europee hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,56% a 9826,28 punti), Parigi (Cac 40 -0,41% a 4632,55 punti), Londra (Ftse-100 -0,23% a 5976,40 punti) e Milano (Ftse Mib -0,52% 8'743 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS