Tutte le notizie in breve

Dopo una partenza negativa la Borsa svizzera ha poi recuperato terreno: verso le 9:30 l'indice dei valori guida SMI guadagnava lo 0,19% a 8'336,78 punti quello allargato SPI progrediva dello 0,21% 9'108,98 punti.

Avvio in rialzo per le principali piazze europee: a Milano il Ftse Mib segna una crescita dello 0,17% a 18.790 punti, a Parigi il Cac 40 sale dello 0,11% a 4'790,28 punti, a Londra il FTSE 100 registra un incremento dello 0,14% a 7'128,39 punti e a Francoforte il Dax avanza dello 0,09% a 11'692,53 punti.

La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in netto ribasso, a causa della rinnovata pressione sullo yen che impatta sui titoli dell'export, mentre aumenta l'incertezza degli investitori sulle politiche isolazioniste decise dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

L'indice Nikkei cede l'1,69% a quota 19.041,34, con una perdita di 327 punti. Sul mercato valutario lo yen prosegue la fase di apprezzamento sul biglietto verde, assestandosi a quota 113,50.

Ieri sera Wall Street ha chiuso negativa con il Dow Jones che ha perso lo 0,61% a 19'971,13 punti, il Nasdaq ha ceduto lo 0,83% a 5.613,71 punti, mentre lo S&P 500 ha lasciato sul terreno lo 0,61% a 2.280,65 punti.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve