Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Borsa svizzera sempre poco ispirata, nonostante le notizie positive relative al mercato del lavoro americano. Alle 15.35 l'indice dei valori guida SMI segnava 8480,92 punti (+0,05%), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,14% a 8345,56 punti.

In aprile negli Usa sono stati creati più posti di lavoro del previsto e il tasso di disoccupazione è sceso al 6,3%, ai minimi da settembre 2008. Sebbene molto attesi per il loro potenziale impatto sulla politica monetaria della Federal Reserve, una volta pubblicati questi dati non hanno inciso molto sui corsi. In mattinata un certo sostegno era arrivato già dall'indicatore sui manager degli acquisti nell'Eurozona.

In Svizzera l'SMI si muove attualmente a meno di 100 punti dal suo massimo annuale. I volumi di contrattazione rimangono però contenuti, perché il Primo maggio ha spinto molti a optare per un ponte festivo.

A sostenere il listino è soprattutto Novartis (+1,44%), in contro tendenza rispetto agli altri due valori difensivi, Nestlé (-0,22%) e Roche (-0,50%). Fra i bancari si sta mettendo in luce Credit Suisse (+1,07%), più tonica di UBS (invariata) e Julius Bär (+0,58%). In netto calo sono Holcim (-2,42%) e Syngenta (-2,21%), che da oggi sono scambiate senza dividendo.

SDA-ATS