Navigation

Borsa svizzera: risalita al di sopra della parità

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2011 - 11:41
(Keystone-ATS)

Dopo una partenza in negativo, la Borsa svizzera ha recuperato terreno nel corso della mattinata ed è risalita al di sopra della linea di demarcazione. Alle 11.25 circa il listino principale segna 5540,27 punti, in aumento dello 0,32%. L'indice allargato SPI è a quota 5023,36 (+0,30%).

Al centro dell'attenzione degli investitori oggi figura la riunione dei ministri delle finanze di Eurolandia, hanno indicato gli operatori. Negli USA nel pomeriggio saranno pubblicati alcuni dati congiunturali. Ieri l'agenzia internazionale Fitch ha confermato il rating di tripla A degli Stati Uniti ma ha riveduto al ribasso le prospettive a 'negative'.

Complessivamente i volumi sono limitati, ha detto un broker alla Reuters. Vista l'incertezza molti investitori si sono ritirati dal mercato, ha aggiunto. Prosegue anche oggi il recupero dei titoli bancari, con UBS che sale del 3,13%, il Credit Suisse dello 0,62% e la Julius Bär dello 0,13%. Incrementi anche per le blue chip assicurative: Swiss Re avanza dell'1,12%, Zurich Financial dello 0,98%.

Contrastati i titoli maggiormente legati ai cicli congiunturali. ABB guadagna lo 0,80%, Adecco l'1,11%, mentre Holcim cede lo 0,75%. Nel segmento del lusso, Richemont è in rialzo dello 0,83%, Swatch Group dello 0,44%.

Nestlé non registra variazioni, Novartis perde lo 0,35% e Roche cresce dello 0,21%. Tre altri titoli guida sono in calo: Swisscom (-0,83%), Synthes (-0,93%) e Transocean (-0,05%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?