Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un avvio timido la borsa svizzera con il trascorrere delle ore sta salendo di tono: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 9076,00 punti, in progressione dello 0,40% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,52% a 10'302,91 punti.

Archiviate le elezioni presidenziali francesi e preso atto di alcuni dati congiunturali migliori delle stime provenienti da Germania e Francia il mercato è alla ricerca di spunti in grado di stimolare ulteriormente i corsi. Ma oggi negli Usa non è prevista la pubblicazione di dati macro e gli investitori tendono quindi a rimanere a bordo campo. Lo sguardo si sposta peraltro già ai prossimi appuntamenti con le urne, in giugno per le elezioni parlamentari in Francia e in autunno per quelle in Germania.

Sul fronte interno l'attenzione è concentrata su Adecco (+0,93%), che ha pubblicato risultati trimestrali superiori alle attese degli analisti. Bene orientati sono pure anche altri valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (+1,14%), Geberit (+0,24%) e LafargeHolcim (+3,01%). Nel segmento del lusso Swatch (+0,57%) va a braccetto con Richemont (+0,53%).

Fra i bancari Credit Suisse (-2,91%), da oggi scambiata senza dividendo, arranca dietro a UBS (+0,65%) e Julius Bär (+0,86%). Tutti con il segno più sono gli assicurativi Zurich (+0,65%), Swiss Life (+0,18%) e Swiss Re (+1,17%).

Non presentano unanimità di vedute i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,19%), Novartis (+0,90%) e Roche (+0,37%).

Nel mercato allargato si segnala Addex (+4,22%), che ha presentato studi pre-clinici riguardanti un suo preparato.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS