Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera si è mossa in territorio negativo durante tutta la giornata. L'indice SMI dei valori guida ha terminato gli scambi a quota 6463,46, in ribasso dello 0,86%. L'indice allargato SPI è sceso dello 0,81% 5690,75 punti.
Ieri le piazze europee avevano reagito con entusiasmo all'annuncio di Pechino di una maggiore flessibilità dello yuan. Sui mercati si sono verificati realizzi di guadagni, hanno rilevato gli operatori. D'altro canto si stanno rafforzando di nuovo i timori circa la crisi del debito in Europa, hanno aggiunto.
Tranne Roche (+0,19% a 155,60 franchi), tutte le blue chip sono in flessione. Nestlé è in discesa dello 0,47% (a 53,30 franchi), Novartis dello 0,46% (a 54,25 franchi). Il gigante alimentare ha indicato oggi che prevede di investire 6 miliardi di franchi nei paesi emergenti entro il 2012; 1,5 miliardi sono in programma nei paesi noti sotto la sigla BRIC (Brasile, Russia, India e Cina), altri 2 miliardi nel resto dell'Asia, un miliardo in Africa e 1,6 miliardi in America latina.
Richemont ha perso il 2,71% (a 41,94 franchi) e Swatch Group il 2,13% (a 330,60 franchi) malgrado le esportazioni dell'industria orologiera siano aumentate del 13% in maggio. Ma il mercato si attendeva di più. Ieri i due titoli erano lievitati parecchio sulla scia delle speranze riposte nel mercato cinese, hanno rammentato gli operatori.
Tra le banche, diminuzione del 2,63% (a 45,10 franchi) per il Credit Suisse, dello 0,62% (a 15,91 franchi) per l'UBS e dello 0,66% (a 34,40 franchi) per la Julius Bär. Zurich Financial ha perso l'1,45% (a 251 franchi), Swiss Re lo 0,71% (a 48,83 franchi).

SDA-ATS