Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - In perdita a inizio giornata, la Borsa svizzera ha ripreso vigore nel corso della seduta, ma i guadagni si sono ridotti sul finale. Le contrattazioni si sono svolte in un clima tranquillo, hanno indicato gli operatori. L'indice dei titoli guida SMI ha terminato a quota 6484,73, in rialzo dello 0,19%. L'indice allargato SPI ha chiuso a 5692,80 punti (+0,25%).
Wall Street ha proseguito in territorio positivo nel pomeriggio, nonostante la flessione della fiducia dei costruttori edili americani in giugno, che lascia presagire ulteriori difficoltà per il mercato immobiliare americano.
Dopo il sì del Consiglio nazionale di stamane all'accordo concernente la domanda di assistenza amministrativa degli Stati Uniti, il titolo dell'UBS ha guadagnato terreno, avanzando dell'1,97% (a 15,51 franchi). Il Credit Suisse è in calo dello 0,37% (a 45,56 franchi), mentre la Julius Bär ha guadagnato l'1,95% (a 34,05 franchi).
Rialzo per gli assicurativi, con Swiss Life che ha segnato un incremento dell'1,24% (a 114,10 franchi), Zurich Financial dello 0,65% (a 246,50 franchi) e Swiss Re dello 0,41% (a 48,85 franchi).
Fra i titoli sensibili ai cicli congiunturali, ABB è in progressione dello 0,87% (a 20,95 franchi). Il gruppo elvetico-svedese ha beneficiato del miglioramento della valutazione da parte della Morgan Stanley. Adecco ha messo a segno un balzo del +2,56% (a 56,10 franchi). Per la società vodese hanno influito positivamente le cifre favorevoli del settore in Olanda, hanno detto gli operatori alla Reuters. Holcim è in crescita dell'1,17% (a 77,75 franchi).
Segno meno invece per Richemont (-0,74% a 41,80 franchi) e Swatch Group (-0,25% a 321,90 franchi). Quanto ai titoli difensivi, Nestlé è in flessione dello 0,55% (a 53,85 franchi), Novartis dello 0,27% (a 55,15 franchi), mentre Roche è avanzata dello 0,51% (a 156,70 franchi). Nestlé ha indicato oggi di avere sporto denuncia in Francia contro la società americana Sara Lee per violazioni di brevetti su suoi prodotti Nespresso.

SDA-ATS