Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In controtendenza con le principali piazze europee, la Borsa svizzera prosegue la seduta in rialzo. Alle 11.20 l'SMI guadagna lo 0,30% a 7'442.49 punti, l'SPI lo 0,28% a 6'843.14 punti.

Tra le blue chip in forte flessione Julius Bär (-2,90%), nonostante lo scorso anno abbia realizzato un utile di 433 milioni di franchi, in progressione dell'8% rispetto al 2011. Tenendo conto dei fattori straordinari risulta invece un calo del 4%. Considerati tutti gli elementi straordinari - costi di ristrutturazione e ammortamenti - l'utile netto si è attestato a 298 milioni di franchi (+15%). Gli analisti interrogati alla Reuters avevano pronosticato in media un risultato netto di 281 milioni di franchi. Gli attivi in gestione hanno registrato un balzo in avanti dell'11% a 189 miliardi. In netto calo anche Credit Suisse (-1,61%), mentre UBS - che presenterà i conti annuali domani - guadagna l'1,07%. Pesante anche ABB (-1,37%).

Bene invece Swatch Group (+2,51%), la quale ha annunciato oggi un utile netto in rialzo del 26% rispetto al 2011, a 1,61 miliardi di franchi. Il fatturato - già comunicato - ha registrato un aumento del 14% a 8,14 miliardi. L'altra blue chip del lusso, Richemont, non ne trae profitto (-0,13%). Chiara progressione invece per Transocean (+1,93%).

I pesi massimi difensivi sostengono il listino: Novartis sale dello 0,89%, Roche dello 0,35% e Nestlé lo 0,31%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS