Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Borsa svizzera sempre in ribasso: alle 15.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 8737,59 punti, in flessione dello 0,90% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,74% a 8972,64 punti.

Viste le incertezze in particolare riguardo ai tempi di rialzo dei tassi gli investitori hanno tendenza prima della pausa del fine settimana a realizzare i guadagni. Dagli Usa sono giunti i dati relativi ai prezzi alla produzione e alle vendite al dettaglio in ottobre, entrami inferiori alle attese degli analisti. Anche la crescita dell'Eurozona nel terzo trimestre è risultata leggermente sotto le attese.

Per quanto riguarda i singoli titoli rimane tonica Syngenta (+6,74%), che stando a Bloomberg sarebbe nel mirino ChemChina. Nel segmento del lusso Swatch (-2,72%) soffre per un abbassamento di obiettivo di corso da parte di RBC e appare ancora più in difficoltà di Richemont (-1,88%).

Sono ulteriormente scivolati all'indietro i valori maggiormente sensibili ai cicli economici come ABB (-1,07%), Geberit (-1,09%), Adecco (-2,09%) e LafargeHolcim (-1,8%). Fra i bancari UBS (+0,36%) continua a difendersi meglio di Credit Suisse (-0,21%).

Roche (-0,97%) ieri sera ha comunicato l'intenzione di cedere quattro siti di produzione, per un totale di 1200 posti di lavoro. Ancora più negativi sono gli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (-1,34%) e Novartis (-1,60%).

Nel mercato allargato Swiss Prime Site (+1,55) ha informato sull'andamento degli affari nei primi nove mesi, mentre Alpiq (-0,19%) ha fatto sapere che sta valutando la vendita di alcune partecipazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS