Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La borsa svizzera rimane saldamente orientata al rialzo: alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 6277,49 punti (+1,26% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dell'1,13% a 5549,24 punti. In grande evidenza è UBS (+10,19%), dopo la pubblicazione di risultati semestrali superiori alle previsioni.
Sugli scudi è l'intero comparto creditizio europeo, anche grazie ai nuovi dati di Deutsche Bank - pure sopra le attese - e alle novità sul fronte del comitato di supervisione delle banche di Basilea. In Svizzera beneficiano della situazione Credit Suisse (+6,99%) e Julius Bär (+4,36%). Il buon andamento dei titoli finanziari fa bene anche agli assicurativi Zurich (+2,62%) e Swiss Re (+2,98%): quest'ultimo titolo approfitta anche di un cambiamento di raccomandazione di JP Morgan.
Stanno per contro faticando valori più legati alla congiuntura quali ABB (-0,14%), Swatch (-0,48%) e Richemont (-0,83%). Non presentano un andamento unitario i difensivi: Nestlé (-1,40%) soffre secondo gli operatori per uno spostamento degli investitori verso Danone (oggi i semestrali), Novartis (-0,68%) rimane sotto la riga e non beneficia quindi dei buoni risultati della controllata Alcon, mentre meglio si sta muovendo Roche (+0,74%), che rimbalza dopo le precedenti sedute al ribasso. In netto recupero rispetto alle perdite di ieri è Transocean (+5,87%).
Nel mercato allargato vanno segnalate, dopo la presentazione di dati aziendali aggiornati, Also (+0,11%) e Austriamicrosystems (-5,04%).
La giornata rimane peraltro ancora ricca di impulsi in grado di muovere i corsi: è atteso in particolare a breve il nuovo dato sulla fiducia dei consumatori americani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS