Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La seduta prosegue al rialzo alla borsa svizzera: alle 15.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 8030,86 punti (+0,38% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,33% a 7602,15 punti.

Partito bene sulla scia del buon andamento delle borse asiatiche il mercato si è da allora mosso poco, ignorando praticamente totalmente gli ultimi indicatori congiunturali: né l'indice Zew tedesco, né la produzione industriale nell'Eurozona e neppure il dato sulle vendite al dettaglio in luglio negli Usa hanno offerto spunti sufficienti per influenzare i corsi. Un certo sostegno deriva però dai futures su Wall Street, che fanno pensare ad un'apertura in leggera progressione per la piazza di New York.

Sul fronte interno l'attenzione è concentrata su numerosi dati aziendali. Per quanto riguarda le blue chip hanno deluso il bilancio semestrale e le prospettive di Geberit (-6,83%): la flessione va comunque relativizzata tenendo conto del buon andamento del titolo dall'inizio dell'anno, culminato nel massimo 2013 lo scorso venerdì.

Rimanendo fra i valori maggiormente legati alla congiuntura in difficoltà è pure Adecco (-0,72%), mentre solidi guadagni sono offerti da ABB (+1,11%) e Holcim (+1,38%), che giovedì informerà sui suoi conti. Non presenta un orientamento unitario il segmento del lusso, con Richemont (+0,58%) più tonica di Swatch (-0,09%).

In ordine sparso si muovono anche i bancari UBS (+0,47%) e Credit Suisse (-0,32%), come pure gli assicurativi Swiss Re (-1,22%) e Zurich (+0,20%). Traina il listino Novartis (+0,81%), che mostra maggiore dinamismo rispetto agli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (+0,32%), e Roche (-0,04%). Ma meglio di tutti fa Syngenta (+2,82%): diversi investitori internazionali si sono fatti convincere dagli specialisti che attestano un buon potenziale di crescita al titolo, considerato attualmente sottovalutato.

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Schindler (-4,42%), Galenica (-1,07%), DKSH (-0,68%), GAM Holding (+11,04%) e Schmolz+Bickenbach (-0,30%). Sugli scudi Leclanché (+8,82%), che ha annunciato un cambio della guardia a livello di CEO e CFO.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS