Navigation

Borsa svizzera: sempre orientata al rialzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 gennaio 2020 - 15:20
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera sta ampliando ulteriormente i guadagni: alle 15.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 10'839,75 punti, in progressione dell'1,37% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava l'1,27% a 13'112,37 punti.

Il mercato accoglie con favore vari dati congiunturali esteri. L'ultimo concerne gli Stati Uniti, dove le costruzioni di case nuove sono salite ai massimi da 13 anni. L'SMI è così salito a 10'847,16 punti, nuovo valore record.

A livello di singoli titoli l'attenzione è concentrata su Richemont (+5,58%), che ha presentato un dato del fatturato superiore alle attese. Stanno salendo di tono anche i bancari UBS (+0,65%) e Credit Suisse (+0,30%). Trainano con decisione il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,62%), Novartis (+1,20%) e Roche (+1,95%).

Nel mercato allargato i riflettori sono puntati su GAM (+9,93%) e su Zehnder (+6,69%), che hanno informato sull'andamento degli affari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.