Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera si mantiene in solido rialzo: alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 9094,49 punti, in progressione dello 0,61% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,69% a 10'321,25 punti.

Dopo un timido avvio il mercato è tornato sui binari della crescita che ha caratterizzato le ultime settimane, favorito da buoni dati aziendali e da positivi indicatori congiunturali.

Archiviate le elezioni presidenziali francesi la sensazione dominante è che i rischi politici tornino in secondo piano, probabilmente fino alle elezioni in Italia attese nella primavera 2018. I prossimi appuntamenti con le urne, in giugno per le elezioni parlamentari in Francia e in autunno per quelle in Germania, vengono ritenuti meno pericolosi.

Il fatto che l'atmosfera fra gli investitori sia rilassata, nonostante l'elevato livello dei corsi e quindi i rischi di potenziali correzioni, è testimoniato dall'indice di volatilità, in calo di quasi il 5%.

Per quanto concerne i singoli titoli l'attenzione rimane concentrata su Adecco (+2,27%), che ha pubblicato risultati trimestrali superiori alle attese degli analisti. Bene orientati sono pure anche altri valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (+1,35%) e LafargeHolcim (+2,82%), che rimbalza dopo le perdite di ieri, mentre più in difficoltà appare Geberit (-0,31%). Nel segmento del lusso Swatch (+0,49%) continua ad andare a braccetto con Richemont (+0,41%).

Fra i bancari Credit Suisse (-2,71%), da oggi scambiata senza dividendo, arranca dietro a UBS (+0,06%) e Julius Bär (+0,48%). Tutti con il segno più sono gli assicurativi Zurich (+0,69%), Swiss Life (+0,27%) - domani i trimestrali - e Swiss Re (+0,89%).

Con diverso dinamismo si stanno muovendo i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,19%), Novartis (+1,28%) - che ha ottenuto negli Usa il via libera per una terapia con la combinazione di due preparati - e Roche (+0,59%).

Nel mercato allargato si segnalano Addex (-0,84%), che inizialmente è arrivata a guadagnare fino al 4% dopo aver presentato studi pre-clinici riguardanti un suo preparato, e Santhera (+4,83%), che ha l'autorizzazione per la vendita di Raxone in Scozia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS