Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Scesa sotto i 6'600 punti nel corso della mattinata, la Borsa svizzera ha ripreso quota nel pomeriggio sulla scia degli sforzi internazionali per risolvere la crisi che attanaglia la Grecia. Nelle battute conclusive il peggioramento del rating spagnolo di Standard & Poor's ha però di nuovo vanificato il recupero. L'indice SMI ha pertanto chiuso in ribasso dell'1,37% a 6'576.39 punti e l'allargato SPI dell'1,44% a 5'828.57 punti.
Mentre si susseguono le speculazioni sul piano di aiuti internazionali per la Grecia, a Berlino si sono incontrati oggi il ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, e il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet.
L'eventualità di un piano di salvataggio più consistente ha indotto temporaneamente gli operatori ha intravvedere un barlume di speranza. Ma i titoli bancari ne hanno beneficiato soltanto finché Standard & Poor's ha tagliato il merito di credito della Spagna, portandolo ad 'AA' dal precedente 'AA+'.
Al termine della seduta UBS ha quindi perso l'1,42% a 16,65 franchi, Credit Suisse lo 0,69% a 50,10 franchi e Julis Baer l'1,96% a 37 franchi. Fra le blue chip maggiormente in difficoltà, si segnalano inoltre ABB (-3,10% a 20,91 franchi), Adecco (-2,02% a 63,05 franchi), Holcim (-2,24% a 80,75 franchi), Nestlé (-2,17% a 51,85 franchi), Swiss Re (-2,99% a 47,66 franchi), Swiss Life (-2,01% a 131,70 franchi) e SGS (-2,64% a 1'399 franchi). L'unico titolo in rialzo è stato quello di Novartis (+0,09% a 55,35 franchi).
Nel listino allargato ha subito un tonfo in particolare il titolo di Nobel Biocare (-18,5% a 24,35 franchi): il fatturato e l'utile operativo in calo hanno deluso le aspettative degli analisti. In netto calo anche la banca zurighese di gestione patrimoniale EFG International (-5,43% a 18,3 franchi), che fa capo alla famiglia dell'armatore e finanziere greco Spiros Latsis, ma ha indicato di non essere toccata dalla crisi finanziaria del paese mediterraneo.

SDA-ATS