Navigation

Borsa svizzera: torna in territorio positivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 febbraio 2020 - 15:27
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera torna in territorio positivo, seppur timidamente: alle 15.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 10'631,03 punti, in progressione dello 0,03% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,02% a 12'873,57 punti.

Il nervosismo relativo al coronavirus sembra diminuire: l'indice di volatilità VSMI è sceso del 3%. A livello di singoli titoli sta salendo di tono Nestlé (+0,79%), mentre faticano a tenere il passo gli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (-0,15%) e Roche (-0,35%). Si mantengono negativi i bancari UBS (-0,38%) e Credit Suisse (-0,29%).

Nel mercato allargato Idorsia (+5,75%) approfitta di un commento degli analisti. Si conferma per contro in difficoltà Julius Bär (-5,54%), che ha presentato risultati in flessione per il 2019 e ha annunciato un nuovo programma di risparmio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.