Navigation

Borsa svizzera: vicina alla parità anche nel primo pomeriggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 marzo 2011 - 15:35
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera si muove attorno alla linea di demarcazione nel primo pomeriggio. Alle 15.00 circa l'indice SMI dei titoli guida segna 6534,93 punti, in aumento dello 0,07%. Il listino complessivo SPI è a quota 5921,54 (+0,08%).

Sul mercato continuano a pesare le tensioni in Libia e la corsa del prezzo del greggio risalito ai massimi da settembre 2008. Si è aggiunto il ritorno dei timori su Eurolandia, dopo l'abbassamento del rating della Grecia da parte dell'agenzia Moody's.

Fra i valori guida spicca la performance di Richemont, che sta salendo del 2,90%. Secondo gli operatori, il gruppo ginevrino del lusso beneficia dell'annuncio del rilevamento dell'italiana Bulgari da parte della concorrente francese LVMH. "Ciò dà adito a fantasie", ha osservato un broker. In netto rialzo anche Swatch Group (+2,03%).

I titoli difensivi di peso presentano un andamento contrastato, con Nestlé in lieve crescita (+0,19%), mentre Novartis (-0,85%) e Roche (-0,52%) sono in flessione.

Quanto ai titoli bancari, UBS è in aumento dell'1%, Credit Suisse scende invece dello 0,15% e Julius Bär guadagna l'1,24%. Fra gli assicurativi, Swiss Re sale dello 0,36%, mentre Zurich Financial registra un calo marginale (-0,04%).

Nell'indice allargato Kuoni è in ribasso dell'1,2%. L'agenzia di viaggi ha annunciato oggi l'acquisto del tour operator online inglese Gullivers Travel Associates per 720 milioni di dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?