Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un'apertura incerta la borsa svizzera sembra voler virare in negativo: alle 11.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 7945,28 punti, in flessione dello 0,24% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,14% a 8579,46 punti.

I corsi sono influenzati dal nuovo calo del prezzo del petrolio e dal clima di incertezza legato alle incognite della Brexit e agli sviluppi della crisi bancaria in Italia. Gli investitori danno inoltre prova di cautela prima della pubblicazione negli Usa del rapporto sul mercato del lavoro: il documento potrebbe fornire indicazioni circa i tempi di un ulteriore rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve, che gli esperti ritengono peraltro poco probabile quest'anno. È inoltre alle porte la stagione dei risultati semestrali.

Per quanto riguarda i singoli titoli in ordine sparso si presentano i bancari UBS (-0,33%), Credit Suisse (-1,29%) e Julius Bär (+0,65%). Anche fra gli assicurativi non vi è unanimità di vedute, con Swiss Re (+0,31%) più ispirata di Zurich (-0,44%) e Swiss Life (-0,42%).

Fra i valori più sensibili ai cicli economici spicca Adecco (+1,57%), reduce da diversi giorni difficili. Bene anche LafargeHolcim (+0,83%), mentre arrancano ABB (-0,21%) e Geberit (-0,14%). In difficoltà appare il segmento del lusso, con Richemont (-1,62%) ancora meno tonica di Swatch (-0,90%).

Fra i pesi massimi difensivi Nestlé cerca di trainare il listino (+0,13%), mentre Novartis (-0,75%) e Roche (-0,63%) non sfuggono alla tendenza generale.

Nel mercato allargato Sulzer (+0,23%) ha annunciato un importante ordinativo dal gruppo francese EDF. Conzzeta (-0,16%) ha nominato un nuovo CEO per il suo marchio Mammut.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS