Navigation

Borsa svizzera: vira in negativo

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 dicembre 2019 - 15:33
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera è tornata in negativo: alle 15.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 10'483,81 punti, in flessione dello 0,11% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,08% a 12'642,22 punti.

Dopo una mattinata in crescendo, fra gli investitori sono riaffiorati i dubbi, in particolare riguardo al braccio di ferro commerciale fra Stati Uniti e Cina.

Si difendono ancora i bancari UBS (+0,04%) e Credit Suisse (+0,23%), nonché qualche valore orientato alla congiuntura come ABB (+0,36%) e LafargeHolcim (+0,62%). Non univoci si presentano i pesi massimi difensivi, Nestlé (+0,04%), Novartis (-0,02%) e Roche (-0,33%).

Nel mercato allargato il titolo più in difficoltà è Autoneum (-11,19%), che soffre per un avvertimento sul risultato 2019. Sul fronte opposto si trova Schmolz+Bickenbach (+12,23%), che reagisce bene a una decisione della Finma.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.