Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha virato in positivo, sebbene l'andamento rimanga ondivago: alle 15.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 8230,75 punti, in progressione dello 0,41% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,35% a 8527,30 punti.

Il mercato elvetico si sta muovendo meglio di altre piazze, dove continuano a pesare fattori come il prezzo del petrolio, le turbolenze delle piazze asiatiche e i dubbi sulla tenuta della congiuntura mondiale.

Sul fronte interno stanno diminuendo i guadagni di Syngenta (+4,54% a 410 franchi), interessata da un'offerta pubblica di acquisto del colosso cinese ChemChina.

Sta ripiegando all'indietro ABB (-0,46%), ora in contro tendenza rispetto al altri titoli particolarmente sensibili alla congiuntura come Adecco (+0,92%), Geberit (+0,33%) e LafargeHolcim (+0,25%). Nel segmento del lusso sono stati accolti in modo negativo i conti di Swatch (-0,24%), mentre ben orientata è Richemont (+1,17%).

Fra i pesi massimi difensivi traina il listino Nestlé (+0,53%), rimane ai blocchi di partenza Roche (+0,15%) e arretra Novartis (-0,90%). In netto recupero rispetto alla mattinata sono i bancari UBS (+0,13%) e Credit Suisse (+3,49%), mentre sempre in difficoltà è Julius Bär (-1,87%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS