Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo aver aperto al rialzo la Borsa svizzera ha virato in negativo poco prima di mezzogiorno: alle 15.05 l'indice dei valori guida SMI segnava 6678,31 punti (-0,14% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in flessione dello 0,10% a 5741,81 punti.
Dopo i dati poco confortanti arrivati dalla Germania, con l'indice Ifo della fiducia delle imprese calato a sorpresa in febbraio, i futures sull'apertura di Wall Street si presentano al ribasso. Complice la scarsità di notizie i volumi di contrattazione sono ridotti, in particolare sul fronte interno.
Deboli appaiono i bancari UBS (-1,08%) e Credit Suisse (-0,85%) - influenzati dalla perdita trimestrale di 1,86 miliardi di euro comunicata dalla tedesca Commerzbank - come pure gli assicurativi Swiss Re (-1,01%), Swiss Life (-0,80%) e Zurich (-0,04%).
Fra i pesi massimi a sostenere il listino è rimasta solo Nestlé (+0,95%), mentre Novartis (-0,17%) è scivolata in territorio negativo sulla scia di Roche (-0,99%), che soffre dopo l'annuncio di risultati negativi di uno studio sul farmaco antitumorale Avastin.
Nel mercato allargato in evidenza Walter Meier (+11,96%), dopo la presentazione dei dati annuali, e Nobel Biocare (+2,53%), che ha reso noto un accordo di cooperazione con la società giapponese Noritake Dental.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS