Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera sta acquistando vigore con il passare delle ore: alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 8649,50 punti, in progressione dello 0,79% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,76% a 8916,35 punti.

Stando agli operatori in vista delle lungamente attese decisioni della Federal Reserve il clima generale è orientato alla cautela e i volumi di scambio sono inferiori alla media. Il mercato si aspetta che la banca centrale americana - a borse europee già chiuse - comunichi un aumento del tasso direttore di 25 punti base, il primo incremento da sette anni a questa parte. Ma decisivi saranno soprattutto i segnali che la direttrice Janet Yellen lancerà riguardo alla rotta che intende tenere nei prossimi mesi.

Sul fronte congiunturale l'indice Pmi composto che monitora l'attività manifatturiera e dei servizi nell'Eurozona ha segnato un lieve calo a dicembre. In Svizzera sono per contro migliorate le attese degli esperti finanziari circa le prospettive economiche nei prossimi sei mesi.

Per quanto concerne i singoli titoli hanno virato in positivo i bancari UBS (+0,81%) Credit Suisse (+0,77%), e Julius Bär (+0,45%): quest'ultimo istituto ha annunciato l'acquisizione di una banca privata lussemburghese. Non molto distanti sono anche gli assicurativi Swiss Re (+0,31%) e Zurich (+0,24%).

È tornato a splendere il sole anche sui titoli maggiormente dipendenti dai cicli economici come ABB (+0,06%), Adecco (+0,97%), Geberit (+0,39%) e LafargeHolcim (+0,92%). Nel segmento del lusso Swatch (+1,51%) - con Tissot che annuncia vendite superiori a quelle del 2014 - appare più tonica di Richemont (+0,85%).

In progressione è anche Swisscom (+0,55%), nel giorno in cui la Commissione della concorrenza (COMCO) ha dato il via libera alla creazione di un'impresa comune con SSR e Ringier. Contribuiscono in modo rilevante a sostenere il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,05%), Novartis (+1,18%) e Roche (+1,23%).

Nel mercato allargato gli occhi sono puntati su Bell (+0,95%), che ha rilevato un'azienda austriaca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS