Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera amplia ulteriormente le perdite con l'indice SMI dei titoli guida che alle 15.30 circa segna una flessione dello 0,64% a 7'703.41 punti, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,42% a quota 8'341.58.

Le premesse per la seduta odierna, racchiusa tra la giornata festiva dell'Ascensione e il finesettimana, erano a inizio giornata già piuttosto negative secondo gli analisti.

Gli scambi resi fiacchi dal ponte festivo si sono un poco animati con le notizie da Oltreoceano riguardanti i dati mensili sul mercato del lavoro USA. Il Dipartimento del Lavoro americano ha annunciato a inizio pomeriggio un rallentamento nel settore, con i posti di lavoro creati in aprile - 160mila contro i 200mila previsti dagli analisti - ai minimi da sette mesi. Il tasso di disoccupazione negli USA è rimasto fermo al 5%, deludendo le attese. Immediata la reazione delle borse del Vecchio Continente, che hanno accentuato le perdite.

Sulla piazza zurighese i listini sono anche nel pomeriggio trascinati al ribasso dai bancari - CS Group (che martedì pubblicherà i risultati trimestrali, secondo gli analisti in perdita) cede il 3,60%, Julius Bär il 2,71% e UBS lo 0,87% - e da LafargeHolcim (-2,88%). Molto male anche Swisscom (-2,13%) e il comparto del lusso: Richemont perde l'1,53% e Swatch Group l'1,04%.

Flessione pure per i due colossi farmaceutici: Novartis lascia sul terreno l'1,19%, Roche l'1,10%, mentre il terzo peso massimo difensivo, Nestlé, si muove appena al di sopra della parità (+0,07%).

Poco mossi i ciclici, con ABB in parità e Geberit (-0,19%) ed Adecco (-0,82%) in perdita. Performance solida invece per Givaudan (+0,69%) e Syngenta (+0,65%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS