Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera amplia i guadagni nel primo pomeriggio, con l'indice SMI dei titoli guida che verso le 15.30 segna 8'458.82 punti, in progressione dell'1,00%, mentre l'indice complessivo SPI sale dell'1,08% a quota 8'293.97.

Al centro dell'attenzione degli investitori vi è Novartis che stamane ha annunciato un'operazione incrociata attraverso la quale acquisisce le attività oncologiche del gruppo inglese GlaxoSmithKline (GSK) per 14,5 miliardi di dollari (13 miliardi di franchi) e nello stesso tempo vende a quest'ultimo - per 7,1 miliardi di dollari - la divisione vaccini (senza quelli contro l'influenza). Inoltre Novartis cede alla società americana Lilly per 5,4 miliardi di dollari il settore dei prodotti veterinari.

I mercati hanno accolto positivamente la notizia della ristrutturazione e in borsa il titolo del gigante basilese sta guadagnando il 2,41%, trascinando sulla sua scia Roche (+0,98%).

Fiacco il gigante dell'alimentare Nestlé, che arretra dello 0,10%. Tra i bancari UBS guadagna l'1,79%, Credit Suisse l'1,75% e Julius Bär lo 0,96%.

Sul mercato allargato Publigroupe è in forte ascesa dopo l'offerta pubblica di acquisto lanciata da Tamedia, che già controlla il 7,22% della società losannese specializzata nel marketing e negli annunci pubblicitari. Tamedia offre 150 franchi per azione e il titolo Publigroup in borsa sta mettendo a segno una progressione del 23% a 155,80 franchi.

SDA-ATS