Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha ampliato le perdite in mattinata, sulla scia dei timori per l'economia mondiale: alle 11.40 l'indice dei valori guida SMI segnava 8632,05 punti, giù del 2,18% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva il 2,05% a 8800,28 punti.

Indicatori congiunturali deludenti concernenti la Cina hanno scatenato una nuova ondata di vendite sulle piazza asiatiche, con conseguenze anche in Europa, nonostante alcuni buoni dati macro del vecchio continente, a partire dalla disoccupazione in Germania.

Per quanto riguarda i singoli titoli stanno affossando il listino i pesi massimi Nestlé (-1,96%), Novartis (-2,59%) e Roche (-2,61%). Gli ordini di vendita interessano anche i bancari UBS (-2,75%) e Credit Suisse (-2,47%). Arretra meno ABB (-1,12%), mentre in controtendenza è solo Transocean (+0,38%).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS