Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata in ribasso oggi per la Borsa svizzera. Alle 11:05 circa l'indice SMI dei titoli guida perdeva lo 0,45% a 8'601,43 punti, quello allargato SPI lo 0,44% a 9'593,68.

Gli analisti contattati dall'agenzia awp sottolineano come questo avvio di giornata sia il peggiore della settimana. Le recenti affermazioni della Fed americana - che ha assicurato rialzi dei tassi graduali - avevano già influenzato i mercati statunitensi. Gli investitori sono nervosi, hanno evidenziato gli esperti.

Il nervosismo è accentuato dall'incontro odierno fra il presidente americano Donald Trump e quello cinese Xi Jinping. Lo scopo dei colloqui è quello di evitare uno scontro sui dazi che porterebbe a una guerra commerciale tra le due principali potenze mondiali, con conseguenze imprevedibili per l'intero pianeta.

Ad appesantire il mercato elvetico sono in particolare i titoli bancari, con Credit Suisse che cala dell'1,17%, UBS dell'1,02% e Julius Bär dello 0,64%. Fra i pochi titoli in positivo risultano gli assicurativi Swiss Re (+0,28%) e Zurich Insurance (+0,15%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS