Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Apertura al ribasso per la borsa svizzera, con l'indice SMI dei titoli guida che dopo le prime battute segna 6547.81 punti, in calo dello 0,47%, mentre l'indice complessivo SPI si attesta a quota 5657.86, in diminuzione dello 0,45%.
Deboli anche le altre principali piazze europee: l'indice Ftse100 di Londra arretra a 5.328,25 punti (-0,13%), il CAC 40 di Parigi flette dello 0,56% a quota 3.840,06 punti, il DAX di Francoforte lascia sul terreno lo 0,19% a 5.735,68 punti, mentre a Milano il Ftse Mib cede lo 0,52% a 22.759 punti.
Stamane la Borsa di Tokyo ha chiuso gli scambi in ribasso del 2,56%, in scia al rafforzamento dello yen e al tonfo di ieri a Wall Street dopo l'annuncio del presidente Usa, Barack Obama, di nuovi paletti normativi per le banche. L'indice Nikkei si è portato a 10.590,55 punti.
Wall Sreet ha accusato il peggior calo degli ultimi tre mesi, sia in termini di dimensione, sia in termini di attività: il Dow Jones è scivolato ieri di 213,27 punti, o il 2%, a 10.389,88 punti: una frenata che spinge in rosso il bilancio dell'indice nei primi 21 giorni di gennaio (-0,4%). Il Nasdaq ha ceduto l'1,1% e lo S&P 500 ha perso l'1,9%, appesantito dal -4,3% dei titoli legati alle materie prime.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS